Bullismo, 5 domande per capire…

Quali sono i vissuti delle vittime di bullismo? Cosa provano davvero i nostri ragazzi? Quali emozioni e pensieri entrano in gioco? Ecco 5 domande per capire davvero come si sentono i nostri figli…

Nell’articolo precedente abbiamo cercato insieme di capire cos’è il bullismo e quali sono i segnali a cui noi genitori dobbiamo prestare attenzione.

In questo post ci occuperemo più da vicino dei vissuti di un bambino o un ragazzo vittima di atti di bullismo.

MA COME SI SENTONO DAVVERO I NOSTRI FIGLI?

Ecco 5 domande che possono aiutarci a comprendere…

1- Perché succede tutto questo?

Spesso la risposta che i nostri figli trovano è legata alla bassa autostima ed all’insicurezza.

Una situazione di violenza e umiliazione subita in modo ripetuto nel tempo può infatti far emergere un meccanismo di auto-svalutazione, un cortocircuito da cui è difficile uscire.

“Me lo merito, sono io ad essere sbagliato, chi potrebbe mai volermi…”, tutte considerazioni che portano i nostri ragazzi a chiedersi perché non possono essere come tutti gli altri.

2- Quale futuro mi aspetta?

Se c’è un’emozione che accomuna tutte le vittime di bullismo è la paura… e la paura paralizza!

PARALIZZA IL CORPO MA ANCHE IL PENSIERO.

Ecco allora che anche solo immaginare che tutto questo possa finire e che possa esistere un futuro diverso diventa impossibile e subentra la sensazione di essere condannati a subire questa sorte in eterno.

“Non sono bravo in niente, fallirò sempre… forse è meglio non provarci neppure!”

3- Cosa posso fare?

Molto spesso noi genitori crediamo che i ragazzi vittime di bullismo subiscano passivamente quanto gli accade e non provino mai a fare niente…

QUESTA SUPPOSIZIONE PERÒ NON È VERA!

I tentativi fatti o ancora in corso per cambiare le cose sono diversi… essere forti e sopportareignorare i bulli, forse anche arrivare a provare a farseli amici.

Ognuno purtroppo è destinato a fallire, anche per la terribile condizione di trovarsi da soli contro il gruppo…

Il risultato? Un profondo senso di inadeguatezza accompagnato dall’ineluttabile certezza di essere e restare per sempre una vittima impotente.

4- Perché non ne parlo con i miei genitori?

La risposta di noi adulti al problema del bullismo suona falsamente semplice… chiedi aiuto, parlacene!

IN REALTÀ NON È COSÌ FACILE…

Molto spesso infatti queste richieste di aiuto cadono nel vuoto. A volte siamo troppo occupati, oppure non prendiamo abbastanza sul serio quello che i nostri figli ci raccontano. In alcuni casi, molto più semplicemente, non riusciamo a capire.

Nei ragazzi poi può subentrare un senso di vergogna e di inadeguatezza che li porta a chiudersi a noi e ad isolarsi…

“Non sono abbastanza forte, se chiedo aiuto vuol dire che mi arrendo, non riesco a difendermi da solo…”

5- Finirà mai?

Nostro figlio fatica a dormire, ha paura di uscire e di andare a scuola, non ha più amici e si sente terribilmente solo.

CI SARÀ MAI UNA FINE?

Dipende… anche dalle risposte e dall’aiuto che noi genitori riusciremo a dargli.

In questo articolo abbiamo cercato insieme di comprendere come si possono sentire i nostri figli quando sono vittima di atti di bullismo.

Attraverso queste 5 domande abbiamo potuto capire quanto la paura, il senso di solitudine e di impotenza possono arrivare a paralizzare i nostri ragazzi ed a rendere la loro vita insopportabile.

Nei prossimi post cercheremo insieme di capire come possiamo aiutarli…

IN BOCCA AL LUPO!

HAI DOMANDE E CONSIDERAZIONI? LASCIA UN COMMENTO!

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA?
CHIAMA SUBITO IL NUMERO 3478828748 PER FISSARE UN APPUNTAMENTO!

Leave a Comment

Name*
Email*
Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.